Spettacolo "Figli di madre"

Figli di madre

FIGLI DI MADRE

di Cristina Gallingani

con
Massimiliano Buldrini
Vincenzo Poidomani

consulenza del gruppo TILT

tecnici audio-luci
Cristian Zanotti, Lorenza Ghini, Luca Tanieli

 

Sulla scena due giovani di oggi che "galleggiano" nella vita in una normalità assolutamente asfittica. Ciascuno porta con sé i traumi dell'infanzia, dovuti soprattutto all'inconsueto rapporto che li fa "figli di madre", figli della stessa madre e di due padri diversi. Antonio, il più grande che vive al Nord, ha avuto una famiglia normale, cioè normalmente assente; la madre (Anna) che si giostra la vita tra la casa e i suoi turni di infermiera in ospedale, e il padre, camionista, in giro sulle strade d'Europa; Beppe, di qualche anno più piccolo, è cresciuto in Sicilia col padre e la nonna: il padre, che ha avuto questo figlio in eredità da un'avventura estiva di Anna, è una presenza forte, la cui severità è ben compensata da una nonna affettuosa. La mamma è solo una presenza lontana...
Beppe e Antonio si sono frequentati fin dall'infanzia, perché Beppe passa i periodi di vacanza presso la madre.
Una situazione insolita si verifica quando, assenti entrambi i genitori di Antonio, i due fratelli si trovano faccia a faccia senza mediazioni: il dramma isola questo momento.
Le quattro pareti di quella stanza divengono il simbolo di una umanità sequestrata da se stessa, ripiegata in una individualità dolente e corazzata, dove anche l'incontro si trasforma in scontro e delirio di un'immaginazione alimentata dalla paura del vivere e dalla solitudine.

Selezione Premio Scenario 2005

PRIMA ASSOLUTA
18 e 19 giugno 2005 ore 21,15
Imola, Sala di Via Fratelli Bandiera
via Fratelli Bandiera 21